martedì 17 luglio 2012

Mi manchi tanto, Fedra mia

Fedra mi manca ogni giorno di più, ho sempre l'istintiva impressione di doverla cercare in casa perchè non è davanti a me, o di dover andare dalla nonna a riprenderla, o di dover tornare all'ospedale come se lei fosse lì con qualcun altro che mi ha dato il cambio nel farle assistenza e invece dopo un istante mi ritorna in mente come un pugno allo stomaco la realtà. Sapevamo, abbiamo sempre saputo di avere una bambina meravigliosa e preziosa, ma in questa circostanza ci siamo resi conto che lo sapevano in tanti e soprattutto che anche chi non l'aveva conosciuta veramente aveva capito che era una bambina speciale e le aveva voluto sinceramente bene, questo ci ha resi ancora più consapevoli del suo vero valore, di chi era veramente e mi resta un grande rimpianto di non averlo capito prima e tanti sensi di colpa per ogni volta che mi sono sentita stanca della vita che dovevo fare nell'accudirla. Adesso la casa che le piaceva tanto è così vuota, eravamo arrivati da nemmeno un anno ma qui si sentiva la principessa nel suo castello, poteva girare e muoversi liberamente anche con la sua carrozzina, poteva uscire dalla porta senza gradini e andare alla porta accanto dalla nonna senza chiedere l'aiuto di nessuno, potevamo andare a fare tutte quelle passeggiate che dove stavamo prima non ci potevamo permettere e proprio ora che era arrivata la stagione migliore non ha più avuto modo e occasione di farlo. Il mio pensiero è sempre rivolto a lei, se in qualche momento se ne allontana mi sento quasi in colpa, provo a distrarmi, provano a farmi distrarre: ieri sera sono uscita a fare due passi con Rudi e mi è quasi sembrato di fare un torto a lei perchè non l'avevo mai portata in piazza durante le serate di musica come quella che abbiamo casualmente visto ieri, chissà quanto si sarebbe divertita... Oggi me ne sono andata con Marilla a comprare alcune cose di cui avevo assolutamente bisogno e poi mi sono resa conto che non ho mai girato per negozi con Fedra sempre impaurita per il suo povero sistema immunitario… quante cose le ho fatto mancare povera piccola creatura…

23 commenti:

katia kaotika ha detto...

Hai fatto quello che era meglio per lei. Io vorrei essere per Luca una mamma come lo sei stata tu per Fedra.
Sei una donna che ha fatto il suo dovere con la sua bambina e adesso, purtroppo, deve continuare a vivere anche per lei che non c'è più ..... ti voglio bene .......

Lina ha detto...

Cara Renata la sto conoscendo ora che non c'è più la tua dolce bambina, attraverso le tue parole. Me la figuro sorridente in carrozzina...Hai avuto con te un preziosissimo dono e ora non è facile lasciarlo andare. Ogni parola che ti possiamo dire noi è vana, l'importante è che tu continui a parlarci di lei

Lyra ha detto...

Cara Renata, la vita va avanti e bisogna imparare a vivere senza di essa.
Sono sicuro che hai sempre fatto del tuo meglio per lei e che la tua bella principessa era sempre felice.
Un abbraccio!!!
Carmen

I Bijoux di Rossella ha detto...

Cara Renata, hai fatto tutto ció che era giusto fare, tutto ciò che era meglio per Fedra. I sensi di colpa ci assalgono proprio quando siamo più deboli, più vulnerabili .... ma tu non pensare a ciò che non hai fatto, pensa a tutti i momenti belli che hai passato con lei, alla sua allegria, al suo sorriso. Hai dedicato la tua vita a Fedra, le hai regalato il meglio di te stessa, non potevi fare di più. Non so a quanto possano servire le mie parole davanti ad un dolore così grande, spero solo che da Lassù la tua bambina ti dia la forza di guardare avanti. Ti abbraccio.

Anna ha detto...

Cara Renata, il tuo cuore d mamma ora piange un dolore immenso e indescrivibile...ma tu non devi sentirti in colpa, in colpa di che? Di essere stata per Fedra una mamma amorevole e fantastica, che le ha donato amore tanto amore...una mamma umana, tutti noi lo siamo... e i momenti di stanchezza li abbiamo tutti..ma questo non toglie nulla all'amore che le hai donato per tutti gli anni che avete potuto gioire dello stare insieme... datti il tempo di attraversare questo momento per riprendere in mano la tua vita che è un dono grande, per riprendere a sorridere alla vita, a te stessa, ai tuoi cari e anche a Fedra nel ricordo di quanto di bello avete potuto condividere... scusa queste mie righe confuse... ti penso...

tully ha detto...

Oltre il tuo grande amore, le hai dato anche un regno dove poter vivere felice e in libertà i suoi ultimi giorni. Di più credo non si potesse fare. Sei stata e sempre sarai una mamma meravigliosa che ha saputo insegnare come l'amore possa superare tutte le difficoltà. Un grande abbraccio, Tullia.

Eleonora ha detto...

Renata...solo chi ti conosce e chi ti ha ascoltata o vista nell'accudire Fedra, può sapere con quanta dedizione tu l'abbia fatto.
Non colpevolizzarti con queste parole che stridono con la realtà dei fatti; Fedra era tanto speciale quanto delicata, qualsiasi decisione presa, e qualsiasi cosa che apparentemente pare che tu le abbia fatto mancare, in realtà è stata per preservarla, difenderla, ed accudirla nel migliore dei modi.
Hai curato la tua Fedra in maniera esemplare e nessuna festa di piazza, o passeggiata per negozi mancata potrà cancellare gli amorevoli gesti costanti e quotidiani che tu (e tutti voi), avete fatto per lei.

Cuoremaniefantasia.blogspot.com ha detto...

Ti posso capire dato che vivo personalmente la situazione di handicap,anche se totalmente diversa dalla tua creatura e ho visto quanto hanno sofferto i miei genitori,ma anche quanto hanno lottato.Posso solo dirti che sicuramente,forte della fede che hai,sai che ORA E'PRESENTE PIU'CHE MAI e ti protegge.Sa quanto hai fatto per lei per proteggerla e mantenerla vicino a te più a lungo possibile,sicuramente vuole una madre forte,che continua la sua vita testimoniando anche in questo modo la fede.Personalmente ti ringrazio perchè sei stata la prima artista nel campo dei bijoux che ho conosciuto attraverso internet e in un momento in cui sono stata costretta ad abbandonare la pittura perchè devo stare più a lungo a letto,è stata una benedizione:Ho sfruttato ancora di più le mani che sono il dono più bello che Dio mi ha dato,concretizzando i sogni e trascorrendo le lunghe ore di solitudine serenamente e consapevole che ciò che faccio va a beneficio di altri(mercatini di beneficenza e regali a chi mi vuol bene.Per questo ti ringrazio e,idealmente,ti abbraccio

Ilaria ha detto...

Renata non ti conosco di persona, ma ho seguito la vicenda della tua piccola. Sei una mamma meravigliosa,non devi avere nessun senso di colpa. Perchè di persone straordinarie e col cuore così grande non ce ne sono molte. Spero che troverai serenità ed equilibrio.
Con affetto.
Ilaria

perlAmica ha detto...

Cara Renata...le nostre parole sono inadeguate...
Tutti i giorni ricordiamo la tua dolcissima Fedra nelle nostre preghiere affinchè vi aiuti a superare questo difficilissimo periodo.

Con affetto
Cri&Anna

Clara Carloni ha detto...

Ho cercato di scriverti,ma non sono molto pratica di computer e non so se è arrivato il mio commento.Comunque avevo provato a dirti che il tuo angelo è con te ora più che mai:Lei sa ciò che hai fatto per renderla felice e vuole vederti continuare serenamente la tua vita. Posso dirlo tranquillamente perchè vivo l'handicap personalmente e so quanto hanno fatto i miei genitori.Devi sapere che perme sei stata molto importante perchè nello scoprire il tuo blog ho apprezzato un mondo abbastanza sconosciuto: Ero e sono una pittrice,ma il peggioramento della mia malattia che mi costringe a letto,non mi permette più di lavorare in tal senso,perciò tu per prima mi hai ispirata. Ora passo le lunghe ore che devo stare distesa perlinando e ringrazio Dio di avermi dato ildono delle mani: IL mio lavoro fa la gioia di molti perchè il ricavato va in beneficenza o in regali: TI RINGRAZIO ANCORA e,idealmente ti abbraccio

Naki Bijoux ha detto...

Non avere sensi di colpa, sei stata una mamma meravigliosa... Un abbraccio fortissimo!!

Pinuccia ha detto...

Cara Renata Fedra non poteva avere una mamma migliore dite.Per questa l'hai avuto in dono un dono grandissimi anche per chi l'ha solo conosciuta tramite i tuoi bellissimi racconti di lei.
Ti abbraccio forte e con te abbraccio Fedra

Elebijoux ha detto...

Credo che tutto ciò che stai provando è appunto la conseguenza di essere stata una brava mamma. Le persone che non hanno rimpianti sono quelle che non sanno amare. Se ti aiuta parlarne io sono qua ad ascoltarti. Un forte abbraccio.

Etoile ha detto...

Renata, non ti devi sentire in colpa, tutto quello che hai fatto per lei, lo hai fatto per proteggerla.......ti sei comportata come qualsiasi mamma avrebbe fatto per il proprio figlio.....Fedra era una bambina forte, ma allo stesso tempo delicata su alcuni aspetti, e lo abbiamo capito solo ora, quindi non prenderti la colpa per averle privata di alcune cose, lo hai fatto con buone intenzioni.......Devi pensare che tutte quelle cose che ti stai rimpiangendo di averla privata, le passeggiate nel parco, i giri per i negozi, quelle cose che stai facendo ora, devi sapere che lei ora è con te, ovunque, queste passeggiate, i giri per i negozi, le compere,le distrazioni per la città, le sta facendo ora con te, lei è con te, sempre, in ogni luogo, e non c'è bisogno di parlarle a voce alta per farti sentire da lei, puoi parlarle nella tua mente, lei, sa quello che pensi, non sprofondare nel pensiero di credere che sei sola, non lo sei, lei è presente più che mai! Un bacione grande Renata!

Delfiniumcreations ha detto...

Anche se non ti conosco personalmente posso dirti che secondo me sei stata una bravissima mamma (te lo dico da figlia) le hai dato la cosa più importante l'AMORE.

Anonimo ha detto...

Cara Renata, a Fedra non hai fatto mancare niente, ognuno di noi si costruisce il suo piccolo mondo in cui sta bene,fatto di quotidianità e gesti che diventano quasi rituali perchè così ci sentiamo al sicuro e protetti; lo dici tu stessa che Fedra aveva il suo di mondo, in cui voi eravate molto importanti per lei. Da mamma prevale quell'istinto protettivo che ti fa vedere il mondo fuori dalle tue braccia come il lupo cattivo pronto a mangiarsi la tua creatura, così GIUSTAMENTE la proteggevi nell'unico modo che conoscevi lasciandola fra le cose e le persone che la facevano sentire BENE. Pensa solo ed esclusivamente e questo. Con l'affetto di sempre Anna

Betti Bijoux ha detto...

Ciao Renata, io ho visto come ti dedicavi a Fedra, ho visto e ho conosciuto Fedra. E' normale che ora ti fai mille colpe, è normale che ti manca e ti manchera' sempre, ma come ti ho gia' scritto , lei è sempre vicina a te, e se tu ti distrai lei ne è solo felice, perchè è vicina a te.....lo so che qualsiasi parola, qualsiasi cosa ora non ti consola e non ti fa star meglio....ma ricordati che hai molte persone vicine a te, anche se ci sono tanti km di distanza. Ti voglio bene

elsa ha detto...

Cara Renata, è naturale che la tua Fedra ti manchi, sei una mamma alla quale è stato tolto il gioiello più bello, più prezioso, ma non ti devi sentire in colpa MAI, hai fatto tantissimo per la tua principessa e questo nessuno lo potrà negare.
Ti abbraccio
Elsa

LecreazionidiCri ha detto...

Cara Renata io ho conosciuto la tua Fedra e te tramite quello che tu scrivi quotidianamente sul tuo blog e dalle tue parole ho capito una cosa , che sei stata una GRANDE mamma te lo dico sia come madre che come figlia.E penso pure che la tua ''principessa'' veglierà sempre su di te . Un abbraccio forte Cristina

Anna ha detto...

Vi abbraccio forte forte!!!!!!!!!!

Coloro che ci hanno lasciato, non sono degli assenti,
ma degli Angeli invisibili che tengono i Loro occhi pieni di luce fissi, nei nostri pieni di lacrime.

"Craig Warwick"

Ale ha detto...

Non sentirti in colpa Renata, hai fatto tutto quello che una brava mamma può fare... Non gli hai fatto mancare niente. Ti abbraccio forte.
Ale

rosa75 ha detto...

cara Renata secondo me tu non le hai fatto mancare nulla e soprattutto le hai dato tanto Amore e ne hai ricevuto tanto;anch'io come altre ho conosciuto Fedra tramite il tuo blog con i tuoi racconti,le foto,le tue emozioni,le tue sensazioni e purtroppo anche i tuoi dolori,... mi dispiace tanto sono mamma anch'io e cerco di capire il tuo dolore,ma credimi la tua dolce Principessa e li accanto a te che ti accarezza e ti sostiene giorno e notte.Un grande abbraccio,Rosa.